invisible

EMERGENZA COVID-2019

Il Governo ha emanato una serie di misure destinate a sostenere le famiglie e le imprese nell’attuale situazione di emergenza; il sistema bancario e finanziario è chiamato ad assicurare che le misure adottate producano gli effetti attesi. Sviluppo Artigiano si impegna in questo compito continuando a svolgere il suo ruolo di assistenza e di consulenza alle imprese per sostenerle nell’accesso al credito.

Sviluppo Artigiano ha messo a disposizione della propria clientela un’offerta studiata per sostenere le imprese colpite dall’emergenza COVID-19:
-
foglio informativo prodotti Covid
-
contratto Covid

Banca d'Italia - Emergenza epidemiologica: attivazione helpdesk per i rapporti tra banche e clienti
Banca d’Italia ha attivato un nuovo canale di comunicazione diretta con i cittadini per fornire informazioni, rispondere alle richieste, permettere di segnalare problemi attinenti alle relazioni con banche e altri intermediari finanziari nell’utilizzo delle misure di sostegno alle famiglie e alle imprese.
I cittadini interessati possono utilizzare il nuovo servizio di help desk chiamando il numero verde 800196969 (opzione 0). Il servizio è attivo 24 ore su 24; ai segnalanti verrà dato riscontro entro 24 ore lavorative.
Questa linea diretta con la Banca d’Italia si aggiunge ai servizi già disponibili: il portale Servizi online e l’Arbitro Bancario Finanziario.


In questa sezione si possono trovare, inoltre, approfondimenti sulle Misure di sostegno economico predisposte dal Governo:

DECRETO-LEGGE 9 novembre 2020, n. 149

Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese e giustizia, connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19. (GU n.279 del 9-11-2020)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 novembre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19». (GU n.275 del 4-11-2020)

DECRETO-LEGGE 28 ottobre 2020, n. 137

Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19. (GU n.269 del 28-10-2020)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 ottobre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19». (GU n.265 del 25-10-2020)

DECRETO-LEGGE 20 ottobre 2020, n. 129

Disposizioni urgenti in materia di riscossione esattoriale. (GU n.260 del 20-10-2020)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 18 ottobre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19». (GU n.258 del 18-10-2020)

LEGGE 13 ottobre 2020, n. 126

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia. (GU n.253 del 13-10-2020)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 ottobre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19». (GU n.253 del 13-10-2020)

DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 7 ottobre 2020

Proroga dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. (GU n.248 del 7-10-2020)

DECRETO-LEGGE 7 ottobre 2020, n. 125

Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché' per l'attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020. (GU n.248 del 7-10-2020)

 

Decreto "Rilancio” n.34 del 19 maggio 2020, convertito in legge n.77 del 17 luglio 2020: 

Decreto "Liquidità" n.23 del 08/04/2020, convertito in legge 5 giugno 2020 n.40:

Questo comma prevede che siano “.. ammissibili alla garanzia del fondo, con copertura al 100 per cento sia in garanzia diretta che in riassicurazione, i nuovi finanziamenti concessi da banche, intermediari finanziari di cui all’art 106 del TUB e dagli altri soggetti abilitati alla concessione di credito in favore di piccole e medie imprese e di persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni, di associazioni professionali e di società tra professionisti nonché di agenti di assicurazione, subagenti di assicurazione e broker iscritti alla rispettiva sezione del Registro Unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19, secondo quanto attestato mediante dichiarazione autocertificata ai sensi del DPR 445/2000, purché tali finanziamenti prevedano l’inizio del rimborso del capitale non prima di 24 mesi dall’erogazione e abbiano una durata fino a 120 mesi e un importo non superiore, alternativamente, anche tenuto conto di eventi calamitosi, a uno degli importi di cui alla lettera c), numeri 1) o 2), come risultante dall’ultimo bilancio depositato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia ovvero da altra idonea documentazione, prodotta anche mediante autocertificazione ai sensi del DPR 445/2000, e, comunque, non superiore a 30.000,00 euro”.

Per richiedere il finanziamento bancario è necessario predisporre il Modulo di richiesta dell’agevolazione previsto dal Fondo di Garanzia per le PMI (Allegato 4-bis) contenente le autocertificazioni necessarie da presentare alla banca, e qui disponibile per il download, unitamente alla documentazione banca/confidi per il perfezionamento della pratica.
Modulo per la richiesta di garanzia su finanziamenti fino a 30 mila euro 



Decreto "Cura Italia" n.18 del 17/03/2020, convertito in legge 24 aprile 2020 n.27: 

Link utili